Senza categoria

BLG entra nell’ente di certificazione Nimar e apre la sede in Albania a Durazzo

Il 16 marzo sarà aperto il primo percorso di certificazione per le imprese che operano nel settore della sicurezza, della vigilanza, dell’antincendio e altre similari, BLG ha concluso l’ingresso nel capitale di NIMAR, società di certificazione, che aprirà questa stagione di professionalizzazione in Albania.

Per ottenere e mantenere valida nel tempo la vera e propria Certificazione Aziendale, a fronte dell’iter preparatorio di creazione del Sistema procedurale (costituito principalmente da istruzioni operative, rapporti, verbali, moduli, relazioni, etc.) e dell’applicazione pratica del Sistema creato, occorre che un soggetto terzo, indipendente dall’organizzazione aziendale, in nessun modo riconducibile al consulente che ha affiancato l’azienda ed opportunamente abilitato dall’Ente di Accreditamento dello Stato di appartenenza (ACCREDITA per l’Italia), ratifichi la correttezza ed aderenza del Sistema alle Norme Internazionali di riferimento e confermi annualmente mantenimento in essere del Sistema creato.

L’Ente Certificatore è dunque il soggetto che, con apposita ed approfondita verifica ispettiva, determinerà se il Sistema di Gestione Aziendale per la Qualità, l’Ambiente e la Sicurezza e Salute dei Lavoratori, sia aderente alla Norma di riferimento e sia pertanto passibile di Certificazione e di mantenimento della stessa.

In queste poche righe sono sinteticamente esposti alcuni concetti di fondamentale importanza che meritano un approfondimento ed una trattazione specifica:

  • Adottare ed applicare un Sistema organizzativo e gestionale valido ai sensi degli Schemi Internazionali di riferimento è una condizione imprescindibile per conseguire la Certificazione da parte di un Ente Certificatore
  • Il pieno rispetto di tutta la legislazione vigente in materia di prodotti, rispetto dell’ambiente e sicurezza dei lavoratori è una condizione imprescindibile per conseguire la Certificazione da parte di un Ente Certificatore.
  • La Certificazione è rilasciata dall’Ente Certificatore prescelto, solo a seguito di un’opportuna ed approfondita verifica ispettiva e, ovviamente, a condizione che essa si concluda con esito positivo; la stessa Certificazione dovrà essere oggetto di periodica (di solito annuale) riconferma, possibile a condizione che venga riscontrata la costante, corretta e continuativa applicazione dello Schema Gestionale e delle correzioni opportune al Sistema stesso
  • Il consulente che coadiuva l’impresa nella creazione del Sistema Gestionale non può intervenire in rappresentanza dell’Ente Certificatore prescelto, proprio perché quest’ultimo è tenuto ad operare, con trasparenza, oggettività, imparzialità ed in totale indipendenza dall’organizzazione aziendale nel suo complesso
  • L’Ente Certificatore deve essere autorizzato ad operare in tal senso; è quindi opportuno verificare preventivamente che l’Ente prescelto sia abilitato da ACCREDIA (o da uno degli Enti di Accreditamento con sedi al di fuori dei confini italiani, firmatari di accordi di reciproco riconoscimento) per la tipologia di Certificazione che si intende conseguire e per il settore di attività economica in cui l’azienda opera. Per esempio, un’impresa di costruzioni interessata alla Certificazione di Qualità, deve rivolgersi unicamente ad Enti Certificatori accreditati nello schema di Certificazione SGQ (Sistemi di Gestione per la Qualità) ed abilitati ad operare nel settore di attività (IAF) di riferimento, EA28 per le imprese di costruzioni
  • Un Ente Certificatore non accreditato, può comunque ratificare un Sistema Gestionale, ma la Certificazione rilasciata non sarà valida al pari di un’equivalente Certificazione emessa da un Ente regolarmente accreditato